“Elettra, ciao! Come stai?”