Il piedone dell’Algida è stato uno dei gelati su stecco che hanno caratterizzato la mia infanzia , non so se attualmente venga ancora prodotto perché è da tanto che non ne mangio uno, ma da quel che ricordo univa alla forma particolare di un piede un gusto così buono di fragola che non si poteva non amarlo. Per la particolare conformazione di solito cominciavo a mangiarlo dall’alluce e la sua consistenza era molto cremosa trattandosi di una sorta di smoothie alla fragola ghiacciato . Io tendo a farmi durare molto i gelati perché voglio protrarre il più possibile il momento in cui mi godo il piacere di assaporarli ma con questo piedone mi ricordo che era davvero impossibile.

Un gelato leggendario, la cui forma di piede si conservava – in casi fortunati – solamente per i primi 30 secondi dopo l’estrazione dal frigorifero. Ma poco importa: il Piedone è stato per anni un’icona incontrastata dell’estate, nelle sue svariate versioni al cioccolato, panna e fragola & co.

Gelato dal gusto fragoloso e il retro di cioccolato soffice era davvero amato. Vi ricordate poi che qualche anno dopo uscì anche una versione rinnovata del piedone, con variegato fragola e vaniglia e il pollice ricoperto di cioccolato? Piedone, ci manchi!

Il Piedone era uno stecco concorrente della Pantera Rosa nonché il preferito da Eldoleo, il leone testimonal dell’azienda. È stato prodotto anche alla panna e fragola con striature di caramello.

 

La pubblicità dell’epoca :