Divaghiamo un po verso approfondimenti anime di nicchia.Hokuto No Ken è il manga e correlato anime che rimarrà nella storia.Pur senza clamori o particolari originalità ha introdotto nei combattimenti non solo gli stili , ma anche le scuole oltre portare all’ennesima potenza l’esagerazione dei combattimenti

Partiamo ad analizzare non la prima in ordine d’importanza ma la seconda che però a mio avviso risulta estremamente fascinosa perchè variegata e con personaggi carismatici !!  PARLIAMO QUINDI di ?????

Nanto Seiken (南斗聖拳)

 

La Sacra Scuola di Nanto rappresenta l’esatto opposto della  Divina Scuola di Hokuto , tanto che le due tecniche di combattimento vengono definite facce opposte della stessa medaglia. Infatti, mentre l’Hokuto basa la sua potenza sulla distruzione dell’avversario dall’interno ( i cosidetti punti di pressione) , Nanto insegna come distruggere il nemico dall’esterno ( ti affetta meglio delle lame dei Miracle Blade di Chef Tony) . Un’altra grande differenza risiede nel fatto che mentre la scuola di Hokuto viene tramandata di padre in figlio per trasmissione diretta, avendo un solo ed unico Successore per ogni generazione, la scuola di Nanto è frazionata in ben 6 ramificazioni principali ognuna delle quali ha, a sua volta, tutta una serie di ultriori ramificazioni, per un totale di ben 108 stili diversi. I Maestri che padroneggiano i 6 stili principali vengono definiti  Nanto Rokuseiken  e guidano il resto delle fazioni. Nella serie non vengono mai narrate le origini della scuola, si accenna soltanto al fatto che un tempo i Sei Sacri Pugni erano chiamati Comandanti della Guardia (衛将 – Eisho) dei 6 cancelli della residenza dell’Imperatore e che nacque come derivazione dell’ Hokuto Sōkeken ( la scuola demoniaca della seconda serie con KAio) .

Questi comandanti erano autorizzati a togliere la vita a chiunque – fosse anche un nobile o un ufficiale – tentasse di entrare senza un permesso esplicito. Durante le emergenze avevano il compito di non far passare assolutamente nessuno a meno che questi non vi riuscisse con la forza. Le guardie venivano inoltre scelte fra i contadini tramite una specie di servizio di leva militare, che prevedeva l’obbligo di servire per almeno un anno.

Divina scuola Hokuto e Nanto sembrano legate ad un destino comune, nella serie viene detto fin dall’inizio che non dovrebbero mai scontrarsi tra loro ma collaborare, esistono poi leggi ferree che regolano le sfide tra i membri delle due arti. Un altro legame particolare è costituito dai “messaggi in codice”che i membri delle due scuole possono mandarsi attraverso determinate posizioni di combattimento al fine di ingannare i nemici. Ultimo, ma non meno importante come legame, il fatto che in più di un occasione pare che alcune tecniche di Hokuto siano entrate a far parte del repertorio delle tecniche di Nanto.Tutto questo lascia supporre che il Nanto Seiken sia stato sempre a stretto contatto con l’Hokuto Shinken, tanto da sviluppare tradizioni comuni nel corso dei secoli.

La costellazione “simbolo” del Nanto Seiken è il Mestolo del Sud (南斗 – Nanto), un asterismo di sei stelle facenti parte della costellazione del Sagittario, in oriente tradizionalmente considerate in opposizione al “Mestolo del Nord”, ovvero le sette stelle di Hokuto.

PERSONAGGI E TECNICHE

Shin (シン)

“Il predestinato della Stella del Sacrificio (Jun-sei 殉星). Essendo destinato a vivere e a sacrificare se stesso per amore, ha sottratto Julia  a  Kenshiro  e impresso le sette cicatrici sul torso di quest’ultimo. Da quel momento in poi, Kenshiro ha iniziato la sua lotta come salvatore. Quando Nanto è nel caos, Hokuto si desta, divenendo una forza in grado di modificare il corso della storia. Forse è stato il fato a farli innamorare della stessa donna, perché senza Shin, Kenshiro non sarebbe mai “nato” e non ci sarebbe stata una nuova era. Comunque, Shin sembra non averlo mai compreso, perchè ha vissuto soltanto per il suo amore verso Julia e si è sacrificato per il cuore di lei fino alla fine della sua vita. La sua ultima battaglia con Kenshiro è stata la morte più appropriata che avrebbe potuto mai sperare”. (Bronson)

Shin padroneggia il  Nanto Koshū Ken  (Tecnica dell’Aquila Solitaria – 南斗孤鷲拳), uno stile che sembra concentrare la potenza dei colpi in attacchi perforanti e squarcianti portati con le mani e con i piedi.  Nel manga originale, l’unico colpo portato da Shin che viene esplicitamente nominato è il  Nanto Gokuto Ken  (Colpo Infernale Squartante di Nanto – 南斗獄屠拳), un attacco acrobatico portato in salto mortale che mira a recidere i legami di braccia e gambe per ridurre il nemico all’impotenza. Altre tecniche vengono nominate o inventate nella serie TV e in opere successive (inclusi i videogames come Hokuto Musou). In realtà, anche il nome stesso dello stile non appare nel manga originale ma rivelato successivamente nella pubblicazione ufficiale Hokuto no Ken Special: All About the Man del 1986 e da allora compare in ogni successiva pubblicazione ufficiale. Shin nomina esplicitamente questo stile solo nell’OAV  Yuria Den  del 2007.

Rei (レイ)

“La Stella della Giustizia (Gi-sei 義星) del Nanto Rokuseiken. La sua arte è il magnifico Nanto Suichō Ken (Tecnica dell’Uccello d’Acqua di Nanto – 南斗水鳥拳), che ha i movimenti più aggraziati tra i sei Sacri Pugni. Nel corso della sua ricerca della sorella minore Aili, si è unito a  Kenshiro  e Mamiya. Il suo cuore è stato rapito da Mamiya e pur consapevole che la donna amava Kenshiro, era comunque determinato a vivere per lei. Come Stella della Giustizia, era anche destinato a vivere per il bene degli altri, forse quasi quanto  Toki . Dopo essere stato sconfitto in un duello mortale contro  Raoh , ha affrontato  Yuda  per vendicare l’onore di Mamiya pur essendo prossimo alla morte. Non volendo che la sua amata Mamiya fosse testimone del suo dolore e della deturpazione del suo corpo, Rei ha scelto di morire lontano dai suoi occhi e in effetti questo è stato per lui il modo più adatto per andarsene”. (Bronson)

Lo stile dell’Uccello d’Acqua di Rei possiede colpi di grande bellezza e molto coreografici, capaci di tagliare a pezzi orde di nemici. I suoi colpi sono basati pricipalmente su attacchi acrobatici e rapide ed eleganti artigliate portate con le mani. Ecco le tecniche che Rei utilizza nel manga originale:

  • Nanto Ko Ha Ryū (La Tigre di Nanto Distrugge il Drago – 南斗虎破龍): Apparentemente sembra una posizione di combattimento comune nel Nanto Seiken e quindi non relativa al solo stile Suichō Ken, usata in risposta alla posizione dell’Hokuto Shinken  “Il Drago di Hokuto Attacca la Tigre” .
  •  Nanto Kyūkyoku Ōgi – Danko Sōsai Ken  (Ultimo Segreto di NantoColpo Finale dell’Immolazione – 南斗究極奧義-断己相殺拳): Utilizzato contro Raoh, questo colpo sembra mettere in gioco la vita del guerriero in un attacco suicida che garantisce allo stesso tempo l’eliminazione dell’avversario.
  •  Hien Ryūbu  (Fluida Danza delle Rondini Volanti – 飛燕流舞): Tecnica acrobatica che compare in un flashback, vede il guerriero eseguire un elegante salto mortale e tagliare l’avversario a pezzi.
  •  Nanto Suichō Ken Ōgi Hishō Hakurei  (Segreto della Tecnica dell’Uccello d’Acqua di NantoVolo del Bianco Splendore – 南斗水鳥拳奥義飛翔白麗): La tecnica finale del Nanto Suichō Ken. Il guerriero balza sull’avversario con un’elegante capriola in volo, abbattendo poi le mani fra le sue spalle e affondandole fino al torace.

 

Yuda (ユダ)

“La Stella Incantatrice (Yō-sei 妖星) del Nanto Rokuseiken. Fiero della sua bellezza e del suo ingegno, è l’uomo che, a causa del suo destino, ha portato al disordine le sei stelle di Nanto. Il suo stile  Nanto Kōkaku Ken  (Tecnica della Gru Rossa di Nanto – 南斗紅鶴拳) è un’arte marziale perversa in cui il corpo si tinge del sangue dei propri avversari. Convinto che tutto ciò che sfida la sua bellezza sia inammissibile, egli nutre un’intensa e bruciante ostilità verso lo stile  Suichō Ken  di  Rei .
Anche se nel periodo di convalescenza di Raoh  ha complottato per raggiungere il suo obiettivo di conquista,in fondo, l’unico vero obiettivo che aveva era la glorificazione del suo bellezza.
 Ed è stato a causa di Mamiya se la sua battaglia del destino con Rei ha infine avuto luogo. Il suo cuore però è stato nuovamente rapito dallo stile Suichō Ken di Rei. Quello che Yuda stava inseguendo era questa sua visione di Rei o, forse, anche lo stesso Rei. Abbracciato a lui mentre ritorna al Cielo, Yuda mostra per la prima volta uno splendido sorriso”. (Bronson)

La Tecnica della Gru Rossa di Yuda permette di generare taglienti onde di vuoto capaci di spaccare in due un avversario. Per quello che si può vedere nel manga originale, questo stile sembra fondamentalmente statico e privo delle mirabolanti tecniche acrobatiche degli altri stili.  I colpi utilizzati da Yuda nel manga originale sono:

  •  Denshō Reppa  (Tagliente Onda D’Urto – 伝衝裂波): Una potente lama di vento generata con il movimento delle mani. Raggiunge il bersaglio anche ad una certa distanza creando solchi perfino sul terreno.
  •  Nanto Kōkaku Ken Ōgi Kesshō Shi  (Segreto della Tecnica della Gru Rossa di NantoBecco Truccato di Sangue南斗紅鶴拳奥義血粧嘴): Si tratta del colpo di grazia che Yuda avrebbe voluto infliggere a Rei nel loro ultimo combattimento, ma non viene portato a termine. Solo nello spin-off   Raoh Gaiden – Ten No Haoh  del 2006, sembra che finalmente venga fatta luce su questo colpo, presentandolo come una serie di attacchi rapidi portati con le mani.

Shu (シュウ)

“La Stella della Benevolenza (Jin-sei 仁星) del Nanto Roku Seiken. Un leader cieco, ha perso gli occhi in cambio della vita del giovane  Kenshiro . Tuttavia, la Stella della Benevolenza vive di una luce e quella luce è la speranza nel futuro. Ha affidato la sua propria luce a Kenshiro, così come a suo figlio Shiba … La sua arte  Nanto Hakuro Ken  (Tecnica dell’Airone Bianco di Nanto – 南斗白鷺拳) è l’unico stile all’interno di Nanto che utilizza principalmente calci. Anche se ha fatto buon uso della sua arte, conducendo un movimento di resistenza contro l’esercito del Sacro Imperatore, non è stato capace di confrontarsi con lo stesso  Souther  ed ha infine trovato una morte prematura sulla sommità del Mausoleo a Croce del Sacro Imperatore.
Un uomo che è vissuto soltanto per la giustizia, per portare la luce in quest’epoca. In punto di morte, scorge quella luce in Kenshiro, vedendo in lui anche il viso del figlio. Non è un’esagerazione dire che la pace che seguì fu resa possibile grazie a lui”. (Bronson)

Come già detto, lo stile Hakuro Ken di Shu si basa pricipalmente su colpi portati con le gambe, tuttavia possiede anche una notevole agilità che lo rende molto simile al  Nanto Suichō Ken . I colpi utilizzati da Shu sono:

  •  Nanto Hakuro Ken Ōgi Yūgen Shō  (Segreto della Tecnica dell’Airone Bianco di Nanto – Palmi che Inducono Visioni – 南斗白鷺拳奥義 誘幻掌): E’ una tecnica segreta dello stile del Bianco Airone e si basa su movimenti illusori per confondere l’avversario e poterlo cogliere di sorpresa.
  •  Nanto Rokuseiken Hakuro Ken No Shinzui Rekkyaku Kūbu  (Quintessenza della Tecnica del Bianco Airone dei Sei Sacri Pugni di NantoVortice dei Calci Furiosi – 南斗六聖拳白鷺拳真髄烈脚空舞): La quintessenza della Tecnica del Bianco Airone. Il guerriero esegue una capriola poggiando le mani a terra e, restando in posizione verticale a testa in giù, sferra una vorticosa raffica di calci in direzione dell’avversario.
  •  Nanto Rekkyaku Zanjin  (Posizione della Decapitazione dei Calci Furiosi di Nanto – 南斗烈脚斬陣): Si tratta di una variante della tecnica precedente e permette di decapitare tutti gli avversari che circondano il guerriero con rapidi calci rotanti.

Souther (サウザー)

“Il Sacro Imperatore (Seitei – 聖帝) e la Stella Sovrana (Shō-sei 将星) del Nanto Rokuseiken. Erede dello stile Nanto Hō-Ō Ken (Tecnica della Fenice Cinese di Nanto – 南斗鳳凰拳), l’arte degli imperatori, ha speso la sua vita nel raggiungimento del dominio incontrastato e nella costruzione del suo Sacro Mausoleo a Croce dell’Imperatore. Tuttavia, dietro la sua apparente mancanza di umanità c’è la separazione dal suo amato maestro in giovane età. Proprio questa separazione ha scolpito il dolore nel cuore di Souther. Come risultato, egli ha iniziato ad odiare e rigettare l’amore.
-Se a causa dell’amore nasce il dolore, non c’è alcun bisogno dell’amore!!-
Questo suo grido era un grido di dolore che cacciava via il suo profondo amore.
Souther combatteva senza alcun sentimento. Ma il vuoto nel suo cuore non sarebbe mai stato riempito anche se avesse raggiunto la conquista.
Solo quando fu sconfitto da Kenshiro e riabbracciò la salma del suo maestro, il suo cuore si riempì di nuovo per la prima volta in assoluto. E’ stato un guerriero che è annegato nel profondo mare dell’amore”. (Bronson)

Il corpo di Souther nasconde un segreto che lo rende immune agli effetti dei colpi dell’ Hokuto Shinken . Difatti il suo cuore è in posizione opposta rispetto al normale e per questo motivo i suoi punti di pressione si trovano in posizione speculare rispetto alla norma. E’ proprio grazie a questo segreto che Souther riesce a sconfiggere ed imprigionare Kenshiro  in un primo momento. Lo stile della Fenice Cinese di Souther è il più potente di tutta la scuola di Nanto. Non possiede alcuna posizione di guardia e, similmente all’Hokuto, si tramanda di padre in figlio per successione diretta. Tuttavia, il successore deve uccidere in combattimento il proprio mentore ed è per questo che Ōgai, precedente maestro dello stile, fa bendare Souther prima di affrontarlo nel combattimento decisivo. Quando il giovane scopre di aver ucciso con le sue mani l’amato padre, inizia il percorso descritto dalle parole di Bronson. Nel manga originale, i colpi utilizzati da Souther sono:

  •  Kyokusei Jūji Ken  (Colpo a Croce della Stella Polare – 極星十字拳): Un velocissimo attacco portato con le mani che, all’apparenza, sembra non sortire alcun effetto. In realtà, dopo alcuni secondi, si manifestano due profondissimi squarci che formano una croce sul corpo dell’avversario.
  •  Nanto Hō-Ō Ken Ōgi Tenshō Jūji Hō  (Segreto della Tecnica della Fenice Cinese di Nanto: Volo a Croce della Fenice – 南斗鳳凰拳奥義天翔十字鳳): Si tratta del colpo finale dello stile e l’unico in cui il guerriero assume una posizione di guardia. Utilizzata esclusivamente quando ci si trova di fronte ad un avversario di pari valore, questa tecnica permette di lanciarsi in un attacco volante e, al contempo, di eludere qualsiasi attacco fisico dell’avversario.

Julia (ユリア)

Ultimo Condottiero dei Sei Sacri Pugni di Nanto (Nanto Roku Seiken Saigo no Shō – 南斗六聖拳最後の将) e Stella dell’Amore Materno (Jibo-sei 慈母星). L’unica donna che  Kenshiro  abbia mai amato e il reale motivo per il quale il giovane eroe inizia il suo viaggio. Rapita da  Shin , la ragazza (ancora ignara del suo vero ruolo) decide di suicidarsi nel momento in cui si rende conto che il guerriero di Nanto ha intenzione di “conquistarla” erigendo un impero fondato sullo spargimento di sangue innocente. Di fronte a tale follia, Julia si lancia nel vuoto in cerca della morte. E’ lo stesso Shin a raccontare questi fatti ad uno sconvolto Kenshiro che, ormai giunto al momento della tanto sospirata vendetta, deve invece accettare che la donna che ha tanto amato sia ormai perdurta per sempre.

In realtà, ciò che Shin tace sulla vera sorte di Julia, e che viene alla luce solo molto tempo dopo, è che la ragazza è stata salvata in extremis dai  Cinque Astri Disposti in Cerchio di Nanto , un gruppo di guerrieri che hanno il compito di sorvegliarla e proteggerla in quanto ultima discendente della stirpe di Nanto e quindi ultimo condottiero della scuola.

Pur non possedendo alcuna tecnica segreta e (almeno nel manga originale) alcun potere particolare, Julia si rivela più potente di qualsiasi altro grande guerriero della saga, riuscendo a far breccia nel cuore di coloro che la circondano e vincendo con la forza dell’amore. Anche il grande  Raoh , infine, non può far altro che “soccombere” alla superiorità di Julia, ritrovando le lacrime e provando per la prima volta il vero dolore che gli permetterà di acquisire il Musoo Tensei.

 

Fine prima Parte 🙂

⬇️ Click qui sotto ⬇️Seguimi su Facebook!